Come organizzare un team building a Milano

cycling-1814362_640Fare team building è la chiave de successo di ogni azienda, sia che tu gestisca un’impresa composta da pochissime persone, sia che tu sia a capo della prossima start-up di grande successo a livello planetario.

Ma fare team building non è così semplice, ci sono tante cose a cui pensare, ancor di più cose da organizzare e da capire.

Come si fa? Che cosa bisogna conoscere? Quali sono le miglior attività per rendere affiatato il proprio gruppo di lavoro?

Partiamo dai concetti base: il team building è l’insieme di attività extra-i Continue reading

Capodanno a Milano nei locali dei VIP

Tra poche settimane si festeggerà la notte di San Silvestro che, oltre ad essere la notte più lunga dell’anno è anche quella in cui ci si possono concedere sfizi e lussi a cui solitamente si tende a rinunciare. Moltissimi coloro che almeno in quella notte desiderano sentirsi parte di quel mondo ovattato ed esclusivo caratterizzato da vip e personaggi del jet set internazionale, magari frequentando gli storici locali in cui star italiane e non amano trascorrere le proprie serate. Per coloro che desiderino trascorrere il Capodanno in modo esclusivo nei locali più alla moda e frequentati dai Vip, la scelta quasi obbligata è ovviamente un capodanno a Milano.

Milano, infatti,  è in assoluto da sempre la meta notturna  preferita da vip non solo italiani ma anche internazionali e nei locali più di tendenza della città è spesso possibile trovare qualche personaggio famoso, dai calciatori, alle veline sino a star internazionali legate al mondo della musica, del cinema ecc…

Tra i locali milanesi prediletti dai vip e nei quali potrete trascorrere un Capodanno da star uno dei più famosi è il The Club, prestigioso locale milanese che si trova in Corso Garibaldi e che ha ospitato vip di stampo internazionale come Grace Jones e Boy George o, per i più trasgressivi, non è da escludere un salto nel New Fantasy Club Privè Milano.

Il secondo pilastro del jet set milanese è il famosissimo Holliwood , una delle più famose discoteche vip di Milano, frequentata da calciatori, modelle e personaggi  della televisione italiana; situato in via Corso Como e caratterizzato da ambientazioni davvero esclusive, è la location ideale per sentirsi famosi anche se non lo si è.

Un altro locale molto frequentato dai personaggi del mondo dello spettacolo è il Tocqueville in Via Alessio di Tocqueville oppure il mitico Old Fashion, una delle discoteche più belle della Milano vip, situata presso il Palazzo dell’ Arte di Milano che fa anche da ristorante ed è senza dubbio una delle migliori location non solo per ballare ma anche  in cui celebrare l’arrivo del nuovo anno all’insegna del fashion e del glam.

Nightlife a Milano: 5 locali imperdibili

Chi è di Milano lo sa: il lusso, la classe e l’eleganza sono note distintive di tutti i locali notturni del centro e non solo. La scelta del posto più cool pertanto non è difficile, perché ovunque si respira notorietà, perfezione  e tendenza. A partire dai locali di Giorgio Armani, Dolce & Gabbana, Cavalli dove i modaioli aspettano ore pur di entrare anche solo a bere qualcosa al banco ed assaporare il senso di eternità che comunicano questi posti immortali. Continue reading

Aperta la nuova Milano Link Directory

MilanoStart.com intende presentare un nuovo modelo di organizzazione e catalogazione siti, a tal proposito sono aperte le iscrizioni rivolte ai proprietari di siti e blog dedicati a milano, turismo, hotel, feste, ecc; Compilando il seguente modulo parteciperai ad una speciale classifica che ti consinterà di rendere famoso il tuo blog e ricevere migliaia di contatti, in più, sia il link che una recensione del tuo blog verranno pubblicati nel nostro sito ed evidenziati nella rispettiva categoria. Non perdere questa occasione unica, richiedi uno scambio link:

[contact-form 8 “Untitled”]

Milano centro dell’impero d’italia

Municipio dal 49 a.C., divenne colonia sotto gli Antonini, e divenuta col tempo primo centro dell’Impero nell’Italia settentr., fu residenza imperiale dal 292 al 404. La diocesi di Milano risale agli inizi del I sec., assunse particolare importanza con S. Ambrogio (seconda metà del IV sec.), che, da Milano, si oppose alla politica dell’imperatore in Occidente. Dopo la caduta dell’Impero d’Occidente, Milano fu più volte saccheggiata, e decadde dal primato di massimo centro italiano. I Burgundi, dopo averla messa a sacco e averne deportato gli abitanti fra il 489 e il 493, la devastarono nuovamente insieme con i Goti nel 539, decimandone la popolazione; la città fu più volte saccheggiata anche dai Franchi, fin quasi alla conquista longobarda (569). Sotto i re longobardi, che finirono con lo scegliere Pavia come capitale, Milano perdette ogni importanza, fino a quando le fu conferito nuovo prestigio da Carlo Magno che ne fece la sede di una zecca. La ripresa economica e culturale della città fu considerevole durante tutta l’età carolingia. Agli inizi dell’XI sec., vi si affermò la supremazia arcivescovile, nella persona di Arnolfo, e ancor più con l’arcivescovo Ariberto d’Intimiano, sostenitore di Corrado II, da lui stesso incoronato imperatore a Milano. Ma nel 1040, dopo fortunose vicende, il popolo insorse contro l’arcivescovo, e nei decenni che seguirono, la città finì con l’essere coinvolta nella lotta per le Investiture. In età comunale, Milano fu rappresentata dal consulatus civium, organo rappresentativo dei diversi ceti cittadini, e dal Consiglio generale, forse di origine longobarda.

Industria Tessile Milano

L’industria tessile è decentrata in provincia, e fornisce soprattutto cotone, canapa, lino, seta e fibre tessili artificiali. Notevole importanza hanno anche le industrie delle confezioni in genere e dell’abbigliamento, l’ìndustria chimica (gomma, coloranti, saponi, eteri, guttaperca, prodotti farmaceutici, distillazione degli oli degli alcoli ecc.), l’editoria, le attività grafiche, la lavorazione della carta, del legno e della gomma, le fabbriche di dolciumi e di generi alimentari. Accanto allo sviluppo industriale hanno avuto forte incremento le attività commerciali. Attivissimo il commercio con l’estero (si importano materie prime e si esportano prodotti finiti o semilavorati). A Milano hanno inoltre sede i maggiori mercati all’ingrosso italiani.

Milano stato ducale

A partire dalla fine del XIV sec., la storia della città si identifica con quella dello stato ducale, nell’ambito del quale furono notevolmente potenziate le risorse economiche, artistiche e culturali di Milano. Alla morte di Filippo Maria Visconti (1447), seguì il breve interregno dell’effimera Repubblica ambrosiana, sostituita nel
1450 dalla signoria degli Sforza. Sotto Francesco Sforza vennero costruiti il famoso Castello, tra, i più fastosi d’Europa, e l’Ospedale Maggiore, mentre con Ludovico il Moro prosperarono le attività assistenziali. Dopo dodici anni di dominio francese (1500-1512), vanamente contrastato da Ludovico, Milano ritornò agli Sforza, ma il duro, governo del duca Massimiliano fu causa di torbidi (1515) che porta rono alla limitazione dei poteri del duca, mediante l’acquistata indipendenza di alcune magistrature cittadine.

MILANO capol. della Lombardia più importante centro bancario, commerciale e industriale d’Italia

MILANO è capoluogo della Lombardia e della provincia omonima. E’ il più importante centro bancario, commerciale e industriale d’Italia. Milano è situata nella vasta pianura padana, tra i fiumi Adda e Ticino, è servita da nove grandi arterie stradali, sette delle quali (cioè le strade per Corno, Lecco, Lodi, Bergamo, Vigevano, Pavia e Novara) erano già esistenti in età romana; il traffico con i paesi d’Oltralpe è agevolato dalle arterie del Sempione, del Gottardo, dello Spluga e del Gran San Bernardo. L’antico centro romano doveva sorgere a S.O. dell’odierna piazza del Duomo: ingrandita in età imperiale, la città continuò ad ampliarsi nel M. E., sviluppandosi ulteriormente sotto le signorie dei Visconti e degli Sforza. La decadenza economica sotto la dominazione spagnola e le epidemie che ad essa seguirono, spopolarono la città nel XVI e XVII sec.; una ripresa della sua espansione topografica si ebbe sotto Napoleone, e lo sviluppo della città, avviato nella seconda metà del XIX sec., è continuato fino ai giorni nostri, in base ai piani regolatoci del 1884, 1912 e 1932. Un terzo del centro abitato di Milano è formato da impianti industriali.

Una grande città industriale: Milano

Verso il 1.500 comincia per Milano il lungo periodo della dominazione straniera: Francesi, Spagnoli e Austriaci si susseguono nella bella città lombarda. I moti risorgimentali trovano in Milano una città stanca del dominio straniero e pronta a combattere. Una ribellione scoppia nel 1821, un’altra nel 1833. Nel 1848, dopo cinque giorni di lotta (18-22 marzo), i milanesi mettono in fuga gli Austriaci. Essi torneranno, ma nel 1859, la città verrà definitivamente liberata. Durante quest’ultimo secolo l’industria e il commercio si sono tanto sviluppati che, oggi, Milano è la capitale economica d’Italia.